Vlc download semplice veloce passo passo

prestitiSe esistesse una formula matematica a cui affidarsi per avere l’assoluta certezza di riuscire a scegliere il miglior mutuo in senso assoluto, probabilmente la maggioranza delle banche avrebbe chiuso i battenti già da un bel pezzo. Nella realtà l’unica certezza è che l’esistenza del miglior mutuo, non va intesa in senso assoluto, ma relativo, poiché l’essere migliore dipende dalle proprie esigenze e non dalle caratteristiche del mutuo in sé.
 
Quindi per prima cosa bisogna valutare le proprie necessità, la capacità di sostenere il rimborso di una rata oggi, ma anche in prospettiva un domani (possibilità di avanzamenti di carriera, arrivo di risparmi o piccole somme, ecc…), se si ha il tempo e la voglia di controllare che sul mercato escano delle soluzioni migliori, la durata del piano di ammortamento, se si tratta di un mutuo prima casa o seconda casa, oppure se si ha anche la necessità di ottenere dei capitali aggiuntivi per fare delle ristrutturazioni, o una piccola porzione di liquidità, ecc… Infine bisogna valutare la propria capacità, anche emotiva di far fronte alle oscillazioni dei tassi di riferimento, per orientarsi su un fisso o un tasso variabile.
ADVERTS
 
Inoltre una volta individuata la tipologia di mutuo più vicina alle proprie esigenze, non bisogna farsi attirare dal Tan, che tra tassi di imbocco, promozionali o altro, non racconta tutta la verità sull’effettivo costo di un mutuo. Quando si usano i motori online di comparazione, come filtro andrebbe scelta la valutazione in funzione del Taeg. A parità di situazioni, e altre condizioni va scelto il mutuo con il Taeg più basso, e non già con la rata più contenuta.

pixel